ECCO IL PRIMO LIBRO SULL’IDENTITÀ CULTURALE DELLE AZIENDE IN ITALIA

di Remo Bassetti

  Il successo di un’impresa, tradizionalmente, si considera fondato sulla costruzione della sua immagine esterna: un approccio che ha raggiunto la massima espressione nella valorizzazione del brand. La pura apparenza, tuttavia, sembra oggi i

fatevi guidare

13 settembre 2018

La comunicazione letteraria vuole un’alleanza tra il libro e il web?

fatevi guidare

26 luglio 2018

Come destabilizzare le decisioni aziendali (e renderle migliori)

Uno degli assiomi più superati, nelle best practices delle imprese di alto livello, è la rigidità decisionale. Intendo con questa formula il verticismo monolitico del management, che attua senza confronto interno una strategia e la porta avanti testardamente, attendendo il momento buono se i risultati non sono inizialmente quelli attesi. Al di là dei tradizionali […]

palcoscenico aziende

12 luglio 2018

Il museo aziendale è alla portata delle piccole imprese

Accade spesso che le piccole imprese rinuncino a progetti comunicativi “pesanti” perché li immaginano esageratamente onerosi e alla portata solo di grandi corporation. Ne è un esempio il museo aziendale, e per questo voglio qui brevemente raccontare il caso di una piccola impresa francese che si è appena decisa al grande passo.

sulla pubblicità

5 luglio 2018

Dentro o fuori dal funnel? Una nota sulle campagne Adwords

Per apparire in testa alla pagina sui motori di ricerca, come è noto, ci sono due sistemi: uno è gratuito e consiste nella capacità di produrre un contenuto che il motore di ricerca riconosca di qualità e pertinente con la parola chiave ricercata; l’altro è la pubblicità a pagamento, la più nota ed efficace delle […]

buzz marketing / megafono del web

18 giugno 2018

Scriparlare

  Tra i linguisti, qualcuno lo chiama e-taliano, qualcuno italiano digitato, qualcuno italiano trasmesso. È l’italiano praticato sui social e negli sms, che personalmente ho in passato definito scriparlato. Il dato interessante, in effetti, è che più che una variante intermedia tra scritto e parlato si tratta di un parlare mediante lo scritto, accompagnato com’è […]

brand journalism

11 giugno 2018

Il caso Eniday. Quello che ancora manca al brand journalism.

  Un paio di settimane fa, sfogliando un grande quotidiano nazionale, mi sono imbattuto con piacevole sorpresa in una pagina pubblicitaria di Eniday. Di cosa si tratta? Eniday è il web magazine dell’azienda Eni. La sorpresa (e anche la sua piacevolezza), dal mio punto di vista, derivava da questo rimpallo online/offline in direzione di partenza […]

fatevi guidare

10 maggio 2018

Il contratto incomprensibile danneggia anche le aziende

Tutti gli studenti universitari di diritto privato rimangono sempre molto colpiti dall’apprendere che persino l’acquisto del giornale presso l’edicolante è un contratto, sia pure molto sbrigativo nella forma. O almeno rimanevano, perché la nostra vita è andata incontro a una contrattualizzazione perpetua, aumentata per via di Internet e dei rapporti a distanza. Non solo: la […]

fatevi guidare

19 aprile 2018

L’azienda e l’arte di farsi scusare

  “Sono quattordici anni che ti scusi”, ha detto un giornalista a Mark Zuckenberg in una conferenza stampa successiva al caso Cambridge Analytica. Ma le scuse del padrone di Facebook, che hanno raggiunto il picco nell’audizione al Senato, si possono considerare un buon modello di gestione comunicativi della crisi?

letto, visto e commentato

9 aprile 2018

Il fallimento di Toys. Quando il giocattolo non tira la colpa è dei produttori

Ha suscitato un certo scalpore il fallimento della catena di negozi Toys, gravata di ben 5 miliardi di debiti. Una spiegazione immediata sarebbe quella che i giocattoli tradizionali non tirino più, e che i bambini siano ormai già proiettati verso le nuove tecnologie. Peccato che sia falsa. In Italia (secondo una linea di tendenza molto […]

identità degli studi professionali

27 marzo 2018

Push e pull. Gli studi e gli ordini professionali alle prese con il linguaggio della comunicazione d’impresa.

Gli studi professionali che si affacciano alla comunicazione si trovano a confrontarsi con antiche terminologie di marketing aziendale, alcune delle quali da molti ritenute superate pure per le imprese. Ad esempio, era molto in voga un tempo distinguere tra modalità push e modalità pull della comunicazione. In origine, la distinzione era più genericamente di marketing, […]

responsabilità sociale d'impresa

8 marzo 2018

Competere e differenziarsi nella responsabilità sociale d’impresa

Tra pochi mesi, quando redigeranno il bilancio di esercizio, le aziende italiane quotate in borsa dovranno occuparsi anche di pubblicare una “dichiarazione di carattere non finanziario” sulle politiche messe in atto rispetto a temi ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva. Una rendicontazione effettiva, […]

palcoscenico aziende

25 gennaio 2018

Food marketing: quello che l’olio non comunica

  “La nostra non è soltanto un’azienda olearia. E’ un’azienda olistica”. Avete mai sentito questa dichiarazione? Probabilmente no, perché non mi risulta che nessuno l’abbia mai fatta. Ed è un peccato, non solo perché sarebbe un messaggio pubblicitario accattivante che si aggancia pure a un aggettivo modaiolo, ma anche perché ben metterebbe in luce la […]

letto, visto e commentato

18 gennaio 2018

Quando il dipendente non comprende (o non condivide) la cultura e l’organizzazione della sua impresa.

A MARGINE DI UN’INDAGINE DELL’HARVARD BUSINESS REVIEW. UNA PROPOSTA D’AZIONE.   Siete certi che i vostri dipendenti e gli stretti collaboratori comprendano e condividano la cultura che guida la vostra azienda? Per noi di Anima Corporation, che abbiamo coniato il concetto di identità culturale come importante fattore di successo dell’azienda, è un piacere che l’Harvard […]

identità degli studi professionali

17 gennaio 2018

Il consulente degli studi professionali? È un software

  E’ uno strano mercato quello della comunicazione per gli studi professionali. Un mercato ancora incerto, claudicante, giovane ma sicuramente rispondente a un bisogno emergente e in via di espansione. Ma che per il momento vede schierati, dal lato dell’offerta, dei software anziché esseri umani.

fatevi guidare

23 novembre 2017

L’arte di risolvere modificando il problema

“Abbiamo un problema? Risolviamolo!” è un buon approccio decisionistico per chi esercita un’azienda o dirige uno studio professionale. Peccato che non sempre venga preceduto da un’impostazione come: “Abbiamo un problema. Ma siamo sicuri di sapere esattamente quale?”.
Design & software by Indici Opponibili